FEBBRAIO 2019

Lottare contro una mancanza significa rafforzarla, in quanto la nostra attenzione è tutta concentrata su di essa [e sul suo rifiuto] e ci fa sentire sempre più invischiati nella lotta.
Invece la via della vittoria consiste nel dimenticare [momentaneamente] la manchevolezza e avere l’intenzione di sviluppare la virtù opposta. […]
Da principio questo può riverarsi alquanto difficile, ma soltanto da principio, perchè poi si constata con quanta incredibile rapidità può svilupparsi una virtù che riceve tutto il sostegno del cuore [e la manchevolezza viene accettata e guarita con compassione ] [n.d.c.]
E. Bach – Il Grande Libro dei Fiori di Bach di Mechthild Scheffer – Corbaccio ed.

DICEMBRE 2018

La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo.
Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono.
Albert Einstein

NOVEMBRE 2018

Non è ciò che viviamo che fa il nostro destino, ma come lo viviamo.
Marie von Ebner-Eschenbach

OTTOBRE 2018

Il giudice interiore
[…] Anche se agisce come se ti aiutasse ad ottenere ciò che vuoi nella tua vita, in verità il giudice interiore oppone resistenza al tuo movimento verso la tua crescita e il tuo sviluppo. La sua funzione è di mantenere lo status quo in due modi:
1) ti tiene lontano dalle parti di te stesso che considera pericolose o ingestibili;
2) ti dirige verso qualsiasi ideale che crede ti permetta di essere una persona accettabile e di successo.
[…]
Il giudice interiore è la forza in te che costantemente valuta e stima il tuo valore come essere umano e quindi limita la tua capacità di essere pienamente vivo nel momento presente. […]
Ogni momento di vita, quando accade senza giudizio, diventa una porta per un’esperienza più profonda sulla realtà oggettiva di ciò che realmente sta accadendo.
Soul without shame: a guide to liberating yourself dal giudice interiore – Byron Brown – Shambhala Publications

SETTEMBRE 2018

La meditazione è un processo del “fare anima“. Con questa espressione intendiamo la possibilità di riassorbire gli eventi o ritirare le proiezioni, vale a dire riportare ogni evento, cosa, luogo, persona con la quale siamo venuti a contatto, alla sua reale origine, la quale è sogno, immagine, proiezione. […]
Il cammino che libera dall’inganno della coscienza ha inizio con una presa di consapevolezza dello stato dei fatti, e cioè che tutto è anima.
Selene Calloni Williams – Mindfulness Immaginale

LUGLIO 2018

La ricerca interiore non è finalizzata alla scoperta di segreti, al cambiamento dello stato delle cose, ma al risveglio del potere dell’amore che permette di realizzare la totale perfezione del mistero di ogni cosa che esiste.
Selene Calloni Williams – Iniziazione allo yoga sciamanico: viaggio ai confini tra lo spazio e il nulla

GIUGNO 2018

La vera terapia consiste nell’approccio al divino; più si raggiunge l’esperienza del divino, più si è liberati dalla maledizione della patologia.
Carl Gustav Jung

MAGGIO 2018

Prima vivevi partendo dal tuo Io e qualsiasi cosa tu volessi fare aveva inizio da uno sforzo personale. Dopo sei sostenuto da un oceano di forza, da un universo di intelligenza e ti lasci condurre. Lo sforzo personale si riduce fino a sparire in via definitiva e lasci fare. Sei sorretto, cullato, trasportato. Ciò che ti muove ha una caratteristica meravigliosa: è amore. In virtù del fatto che sei amato [dall’invisibile], tutto ciò di cui hai bisogno ti viene dato prima ancora che tu possa chiedere.
Mindfulness immaginale – Selene Calloni Williams

APRILE 2018

“Ti amo” significa “mi amo a stare con te”.
Non è egoismo. Gli egoisti non si amano affatto.
Solo chi si vuole bene è capace di volerne anche al prossimo.
Massimo Gramellini e Chiara Gamberale – Avrò cura di te 

MARZO 2018

[…] ci sono due tipi di amore. C.S. Lewis ha diviso l’amore in due tipi: “l’amore-bisogno” e “l’amore-dono”. Anche A. Maslow divide l’amore in due tipi. Il primo lo chiama “amore-carenza” e il secondo “amore-essere”. L'”amore-bisogno” o “amore-carenza” dipende dall’altro, è amore immaturo. […]è un bisogno. Tu usi l’altro, lo usi come un mezzo: sfrutti, manipoli, domini.[…] ma anche l’altro fa esattamente la stessa cosa: tenta di manipolarti, di dominarti, di possederti, di usarti. […] questo è ciò che accade quasi al novantanove per cento della gente, perchè la prima lezione d’amore l’impari nella tua infanzia. Il bambino nasce e dipende dalla madre. Il suo amore verso la madre è un “amore-carenza”: ha bisogno della madre, non può sopravvivere senza di lei. […] L’uomo matura nel momento in cui comincia ad amare piuttosto che ad avere bisogno. Comincia a traboccare, a condividere; comincia a donare. Nel primo caso ciò che importa è come avere di più; nel secondo, l’importante è come donare sempre di più e incondizionatamente. Questo significa crescita, è l’inizio della maturità. […] In questo caso l’amore non è una relazione, è uno stato dell’essere.
Osho – Con te e senza di te

FEBBRAIO 2018

“Per converso, la fiducia fondamentale non si fissa su una cosa sola, una persona o una situazione, e quindi non viene intaccata dalle circostanze esistenziali. Essa ci conferisce un orientamento implicito verso le circostanze che ci permette di rilassarci, di immedesimarci in esse. Sentiamo nelle ossa di stare bene, di essere a posto anche per il futuro, perfino se gli eventi attuali fossero deludenti, dolorosi o disastrosi […] … abbiamo la sensazione implicita che l’universo si prenderà cura di noi. La vita stessa diventa un viaggio spirituale in cui sappiamo che, smettendo di provare, di sforzarci, di capire, di stare attaccati alla gente, agli oggetti e alle convinzioni, le cose prenderanno la piega giusta, si riveleranno per il meglio. […] Anche se non vi sentite bene, se siete impauriti, saprete in un certo senso che la risoluzione sarà positiva. La capacità di accettare la fase più problematica della trasformazione spirituale (eliminazione delle strutture e identità familiari) sorge da questo innato senso di sicurezza.”
A. H. Almaas – L’enneagramma delle idee sacre

DICEMBRE 2017

Secondo Plotino (205-270 d.C.), il maggiore dei filosofi neoplatonici, noi ci siamo scelti il corpo, i genitori, il luogo e la situazione di vita adatti all’anima e corrispondenti, come racconta il mito, alla sua necessità.
Come a dire che la mia situazione di vita, compresi il mio corpo e i miei genitori che magari adesso vorrei ripudiare, è stata scelta direttamente dalla mia anima, e se ora la scelta mi sembra incomprensibile, è perchè ho dimenticato.
S.C.Williams – James Hillman il cammino del “fare anima” e dell’ecologia profonda

NOVEMBRE 2017

Ogni sforzo per raggiungere una meta è vano e, soprattutto, distoglie il mio “lato invisibile” dal suo percorso. […] Cosa posso fare io? Essere presente, quando mi ricordo, alle cose che faccio e alle cose che accadono. Questa presenza interiore è un’energia che attiva le mie capacità innate e, quindi, favorisce meglio lo sviluppo del mio percorso. Se non devo cercare niente, vado bene come sono adesso. E aspetto … Che cosa? Niente.
R. Morelli – La formula della felicità

OTTOBRE 2017

La consapevolezza che il cosmo esiste oggettivamente adesso; che tale esistenza è la sua stessa definizione e procede indipendentemente dalla comprensione individuale, e che l’individuo fa esperienza più completa della verità della Realtà quando concepisce ogni momento in modo puro, senza preconcetti su cosa debba accadere.
Ichazo, 1972

LUGLIO 2017

Non sono i fatti in sé che turbano gli uomini, ma i giudizi che gli uomini formulano sui fatti. Per esempio, la morte non è nulla di terribile: ma il giudizio che la vuole terribile, ecco questo è terribile.
Di conseguenza, quando subiamo un impedimento, siamo turbati o afflitti, non dobbiamo mai accusare nessun altro tranne noi stessi, ossia i nostri giudizi. Incolpare gli altri dei propri mali è tipico di chi non ha educazione filosofica; chi l’ha intrapresa incolpa se stesso; chi l’ha completata non incolpa né gli altri né se stesso.
Epitteto

GIUGNO 2017

Volere ancora lo Stesso che non basta mai, che si vuole bere ancora perchè disseta e, al tempo stesso, alimenta una nuova sete che non si esaurisce, ma che cresce proprio mentre si prova ad esaurire senza però mai poterla esaurire davvero.
E’ solo nel dono dell’amore che c’è incremento di sé, potenziamento ed espansione della vita che sa vivere l’esposizione assoluta al desiderio dell’Altro.
Massimo Recalcati – Non è più come prima

MAGGIO 2017

Entusiasmo: il carburante che alimenta il motore degli uomini.
Scuola di Palo Alto

APRILE 2017

L’unico modo per aiutare gli altri è dar loro i mezzi perchè si possano aiutare da sè.
Elbert Hubbard

MARZO 2017

Spesso accade che il corpo sappia svelare segreti intorno a cui l’intelletto si affanna inutilmente.
C.G. Jung

FEBBRAIO 2017

Lascia che arrivi ciò che arriva.
Lascia che se ne vada ciò che se ne va.
Non cercare di respingere quello che arriva.
È già qui e se ne andrà.
Non cercare di rimanere attaccato a quello che se ne va.
L’andarsene via è una cosa naturale.
Benedici anche l’andarsene via.
Lascia che ciò che rimane resti.
Lascia che ciò che muore muoia.
Lascia che ciò che vive viva.
Sii l’ampio spazio aperto
a tutto questo.
Ogni pensiero, ogni sensazione.
Sii la consapevolezza.
Sii l’oceano.
Permetti le onde.
Questa è la meditazione,
il tuo Vero Sé.

Jeff Foster

GENNAIO 2017

Essere felici

Non esiste alcun dovere della vita,
vi è solo il dovere dell’essere felici.
Per questo solo, noi siamo al mondo,
e con tutti i doveri
e con tutta la morale
e con tutti i comandamenti
difficilmente ci si rende felici l’un l’altro,
perché non si rende felici se stessi.

Se l’uomo può essere buono,
lo può essere solo
se egli è felice,
se egli ha in se stesso armonia,
quindi se egli ama.
Questo è stato l’insegnamento,
il solo insegnamento del mondo;
Questo diceva Gesù,
questo diceva Budda,
questo diceva Hegel.

Per ognuno l’unica cosa importante al mondo è:
la propria interiorità
la propria anima
la propria capacità di amare.
Se queste sono in ordine
si possono mangiare miglio o dolci,
portare stracci o gioielli.
Allora il mondo risuonerà chiaramente con l’anima,
tutto è buono,
tutto è in ordine.

%0